Le aziende all’avanguardia stabiliscono rapporti di coopetizione.

AAEAAQAAAAAAAAllAAAAJDAwOWQwMTE0LTgzZWMtNDM1OS1iYjRkLTMzMDRhNmQzYjVhNw

Negli ambienti business più moderni oggi si sta diffondendo il concetto di “coopetition“, una delle strategie migliori e più veloci per far crescere un’impresa, startup o di lunga tradizione. Spesso di fronte al concetto della collaborazione con i concorrenti una parte degli imprenditori inizialmente si trova a confrontarsi con il pregiudizio di non poter trovare vantaggio da una collaborazione del genere.

In questo articolo approfondiremo il tema, fornendo un esempio di come società ben avviate hanno trovato dei vantaggi da questo collegamento tra professionisti.  Basti pensare, ad esempio, ai siti specializzati sui social media, che consentono l’utilizzo delle credenziali di Facebook, Google o Twitter invece di far registrare un nuovo profilo. La facilità di iscrizione è tale che sempre più persone accedono al sito. Per permettere questo le aziende di servizi hanno dovuto concordare una collaborazione tra loro. Si tratta di un accordo vantaggioso per tutti, dal momento che la facilità d’uso attira più persone verso il nuovo sito, snellisce l’interazione con il cliente e migliora l’utilizzo di Facebook, Google o Twitter, ad esempio. In questo caso un’interfaccia comune e una forma grafica standard creano le basi per favorire l’adozione più rapida di quel portale da parte dei clienti e, di conseguenza, la loro crescita in termini numerici, direttamente proporzionale ai guadagni.

La coopetizione, infatti, può accelerare la crescita partendo dall’interno della vostra azienda, integrando o sostituendo le dinamiche di progettazione e operatività. Diversi sono i motivi per utilizzare tale strategia di collaborazione e tutti portano a prospettive nuove e risultati vantaggiosi per gli attori in campo. In primo luogo, si riducono i costi comuni attraverso partnership con società concorrenti. Inoltre, le due (o più) aziende in coopetizione possono trovare vantaggi reciproci dall’espansione dei rispettivi mercati di riferimento: i partner di un sito di e-commerce possono espandersi nella fetta di mercato del sito, progettando a loro volta vendite ulteriori che si innestano nella fetta dedicata al marchio principale, che comunque ha un indotto in termini di visibilità.

Spesso, combinare i punti di forza di un prodotto con costi e tempi minimi è  la risultante di un’attività di coopetizione, così da capitalizzare su nuovi punti di forza e punti di miglioramento per la crescita delle aziende coinvolte. A volte il servizio richiesto da un cliente non può essere svolto da un’impresa,  ma sarà nell’interesse di quest’ultima soddisfarlo consigliando un’impresa affiliata, che potrà assistere le sue richieste.

Essere visibili e proattivi sul mercato significa ribaltare la prospettiva della rivalità,  per valorizzare il lavoro di ogni potenziale concorrente e avere un indotto positivo in termini di clienti, guadagni e soddisfazione. Oggi, ad esempio, le grandi aziende non sviluppano più le attività al loro interno, ma si avvalgono di start-up, partnership e aziende complementari che possono creare prodotti nuovi e altamente specializzati. Si può tutelare la proprietà intellettuale dei propri progetti senza attuare una politica aggressiva contro la concorrenza: solo in questo modo si potrà trasformare la competitività in un punto di forza. Pensare in termini di coopetizione significa rompere gli schemi, permetterà di far crescere la propria azienda e i clienti.

Un esempio di cooperazione vincente è quello della progettazione di strumenti blockchain, una tecnologia che può portare a una maggiore efficienza e velocità in una serie di processi aziendali. Impiegata anche come una delle componenti della valuta digitale bitcoin, blockchain è molto interessante per un’organizzazione perché crea un vantaggio competitivo nello scambio di dati. Secondo il portale PYMNTS, Wall Street Blockhain Alliance (WSBA),infatti, ad oggi è composta da “una dozzina di alleanze e consorzi formati negli ultimi anni per incoraggiare vari attori del settore, dalle società ai fornitori di servizi finanziari alle autorità di regolamentazione, per riunirsi ed esplorare la tecnologia ledger (DLT) e le sue implicazioni per vari mercati”. Importanti banche, broker, dealer, hedge fund, investitori, società tecnologiche, compagnie assicurative si trovano a esercitare la strategia della coopetizione per riunirsi e promuovere un prodotto sul mercato.

Noi di Talking Business Lab vogliamo abbattere il pregiudizio che a volte ostacola la crescita aziendale proprio attraverso la promozione di nuove forme di contatto tra professionisti: la coopetizione implementa i sistemi aziendali di chi la adotta come strategia di crescita e diversificazione sul mercato. Per questo intendiamo promuoverla con una serata dedicata al “Business del secolo!”, la progettazione di una business idea in un ambiente che nutra il brainstorming, che mescoli le esperienze e le creatività di menti diverse in un intreccio efficace. Il nuovo appuntamento permetterà di fare incontri utili per la tua attività e conoscere nuovi imprenditori, startupper, consulenti, professionisti, grazie ad un ‘business game’ divertente e formativo. Valorizzare lo scambio di competenze e di esperienze in ottica di team working porterà alla generazione di nuove idee che potranno trovare spazio anche al di fuori della serata, in progetti più strutturati.  L’attività inizierà alle 19.00 con la registrazione, per poi passare alla presentazione di Coaster, lo spazio di coworking, coffice e bizmatching che ospiterà i nostri Talkers. I partecipanti saranno divisi in gruppi per iniziare a ragionare su un’idea imprenditoriale originale e ad alto potenziale di crescita. Ognuno farà brainstorming e consegnerà una bozza di business idea. Il gruppo dovrà mettere in comune le proprie esperienze per stabilire in che modo ogni componente potrà fornire il suo contributo nella realizzazione dell’idea, in termini di competenze, esperienze o contatti. I partecipanti saranno seguiti dai nostri facilitatori senior affinché possano vivere un’esperienza gratificante mettendo a frutto l’esperienza formativa e di business matching.  

Vi aspettiamo giovedì 29 marzo dalle 19.00 alle 22.00 presso Coaster, in via Caio Mario 14/b, Roma. È possibile iscriversi all’evento qui. Sarà un’occasione per mettersi alla prova in modo divertente, sfruttando tutta la potenzialità creativa del gruppo.

Post Correlati